L’ Endometriosi: la malattia invisibile

Tempo di lettura: 2 minuti

 

Spesso sentiamo parlare di quanto sia invalidante il ciclo mestruale per una donna; ma in pochi sanno che, nel 50% dei casi, la manifestazione di forti dolori pelvici è legata alla presenza di una malattia cronica benigna: l’endometriosi.

L’endometriosi è una patologia caratterizzata dalla proliferazione di tessuto endometriale al di fuori della sua sede naturale (normalmente si trova all’ interno dell’utero), che provoca forti dolori e spesso infertilità.

Il dolore pelvico nell’ endometriosi è tipicamente legato alla fase mestruale. Spesso si presenta anche dolore legato ai rapporti sessuali, dolore e alterazione alla defecazione ed a urinare, dolore pelvico cronico e gonfiore della parte addominale.

Vista la sua sintomatologia comune con molte altre malattie (come la sindrome dell’intestino irritabile o la malattia infiammatoria pelvica), avere una diagnosi non è semplice.

Tuttavia, due sono gli esami che aiutano ad avere una diagnosi:

l’ ecografia transvaginale, che prevede l’inserimento di una sonda ad ultrasuoni nel canale vaginale per osservare in maniera dettagliata gli organi pelvici;

la biopsia vaginale, che prevede il prelievo di una piccola parte di tessuto che verrà successivamente analizzata in laboratorio.

Una volta effettuata la diagnosi, disponiamo di quattro tipologie di trattamento possibili, scelte in base a diversi fattori: lo stadio della malattia stessa, l’età della donna, il potenziale di fertilità, la storia clinica e la sintomatologia.

I trattamenti, nello specifico, sono:

– la condotta di attesa (con controlli periodici dove la malattia viene monitorata)

– la terapia medica (mediante l’uso di medicinali)

– la terapia chirurgica (tramite intervento chirurgico)

– la Procreazione Medicalmente Assistita (un percorso per quelle donne che ricercano una gravidanza)

 

L’ENDOMETRIOSI ESISTE.”

Questo è lo slogan che numerose associazioni hanno lanciato per diffondere la conoscenza di tale patologia, sia per supportare tutte quelle donne che ne sono affette, che per informare tutte le altre. Esistono anche vari gruppi di sostegno, su varie piattaforme social, dove le donne affette da questa malattia possono confrontarsi e sostenersi tra loro raccontando la propria esperienza.

 

 

Documenti forniti dall’Ospedale SACRO CUORE – DON CALABRIA

dal reparto di Ostetricia e Ginecologia di Negrar di Valpolicella (Vr)

 

 

 

About the Author
Beatrice Bugelli. Classe 1994. Diplomata come tecnico di servizi della ristorazione tramite istituto alberghiero. Ho due grandi passioni: fare la barista (fin da piccola volevo fare questo lavoro) e la pallavolo, il mio sport preferito da sempre. Amo la natura e fare escursioni in montagna.

Leave a Reply

*